Nei mesi scorsi, cinque soggetti politici, tra cui il PLI, hanno dato avvio all’iniziativa, provvisoriamente denominata “In cammino per cambiare” con l’obiettivo di riunire le disperse forze liberali italiane. L’ALDE, che è il partito dei liberali europei, ha promosso vari incontri per dar vita ad una lista comune dei liberali italiani in occasione delle prossime elezioni  europee. Ieri è apparsa la notizia che Scelta Civica, dopo la scissione consumata con la componente popolare, ha proposto di federarsi con altri movimenti in nome di una comune vocazione liberale.

 “Il PLI – ha affermato il Segretario Nazionale Stefano de Luca – ritenendo che non vada sciupata la straordinaria opportunità che il momento politico offre al mondo liberale di confluire in un unico grande progetto federativo, intende impegnarsi concretamente e costruttivamente, per far convergere le diverse iniziative in corso, superando divisioni e sottili differenze, tipiche della ricchezza del pensiero liberale”.