“In aiuto ai tantissimi, che remano contro la sburocratizzazione e la riduzione della spesa pubblica improduttiva, interviene anche la Corte Costituzionale – afferma Stefano de Luca, Segretario Nazionale del Partito Liberale Italiano – la quale ha bocciato il taglio parziale delle Province voluto dal Governo Monti.

Indubbiamente sul piano giuridico formale è corretto dichiarare che su un tema del genere, che comporta una modifica dell’ordinamento statuale, è stata scorretta al scelta di intervenire con un decreto legge. Tuttavia la decisione della Consulta finisce col dare un insperato sostegno a coloro che si oppongono alla abolizione dell’inutile Ente Provincia.

Il Governo Letta avrebbe un’opportunità per dimostrare la propria vocazione riformatrice – precisa de Luca – presentando un disegno di legge per la cancellazione di tutte le Province, non soltanto di alcune, chiedendo al Parlamento un iter legislativo preferenziale.”