“La scelta del Presidente della Repubblica di affidare ad Enrico Letta l’incarico di formare il nuovo Governo appare quanto mai felice per le qualità personali e politiche del prescelto e – dichiara Stefano de Luca, Segretario Nazionale del Partito Liberale Italiano – rappresenta una significativa svolta verso un rinnovamento generazionale coniugato col necessario criterio di esperienza e competenza.

Il coinvolgimento in prima persona del vice segretario, dopo due mesi di proposte contraddittorie, che hanno seminato incertezza, impegnerà inevitabilmente il PD a sostenere convintamente una compagine governativa che non assumerà il profilo di  Esecutivo amico o del Presidente – puntualizza de Luca –  ma spiccatamente politico.

Il Governo di larghe intese che si andrebbe a costituire, pertanto, dovrebbe rivelarsi in grado di affrontare immediatamente, con la necessaria energia ed efficacia, la gravissima emergenza economica in atto, restituendo alle imprese le condizioni di affidabilità politica necessarie, oltre alle agevolazioni indispensabili per garantire nuova occupazione per i giovani.

Soltanto dopo aver assicurato alle questioni economiche, alla riduzione dell’insopportabile carico fiscale e dopo aver rinegoziato con l’Europa, il Piano di stabilità – asserisce il Segretario Nazionale del PLI – si potranno affrontare le riforme istituzionali, sulle quali sarà opportuno impegnarsi soltanto se la legislatura avrà effettive possibilità di durata, mentre per la legge elettorale, basterebbe una norma di un rigo con l’abrogazione di quella attuale ed i ripristino di quella precedente, che rappresenta l’unico punto di compromesso possibile tra le divergenti componenti presenti in Parlamento.

I Liberali augurano ad Enrico Letta il migliore successo nell’intesse del Paese”.