“Dal momento che un incarico a Bersani sarebbe palesemente privo di una maggioranza e potrebbe determinare soltanto una caccia all’uomo per catturare qualche senatore grillino, disposto a cambiare casacca – dichiara Stefano de Luca, Segretario Nazionale del PLI – il Capo dello Stato ha due sole alternative. Vista l’indisponibilità del M5S a collaborare con gli altri Gruppi, verificare  se esistano le condizioni per una maggioranza PD e PDL, ed in tal caso dare l’incarico ad una personalità istituzionale gradita ad entrambi. Altrimenti potrebbe incaricare Grillo e vedere cosa è in grado di proporre e se sia in grado di trovare il relativo sostegno in Parlamento.

Ogni altra ipotesi sarebbe priva di senso.  In tal  caso – conclude de Luca – converrebbe andare subito ad elezioni anticipate e sottoporre al giudizio degli elettori la paradossale situazione determinata da un risultato elettorale contraddittorio”.