Prima giornata, sabato 10 novembre, di una serie organizzata dal Partito Liberale Italiano che scende in piazza con una raccolta firme per l’abbattimento del debito pubblico e la riduzione dell’oppressione fiscale.

Nella grave Crisi economica dei Paesi dell’area Euro ed in particolare dell’Italia – che, oltre ad avere il peso di un grande debito pubblico, attraversa una grave e crescente fase di recessione e registra un alto tasso di disoccupazione, principalmente giovanile – le forze politiche presenti nelle istituzioni sono ormai totalmente scollegate dai problemi della cittadinanza e annebbiate dalle leggi elettorali antidemocratiche (soglie di sbarramento altissime, premi di maggioranza, liste bloccate) e da un finanziamento pubblico gestito e concepito in modo da rappresentare un’offesa al pudore delle istituzioni ed al rispetto dei contribuenti.

Per queste ragioni il Partito Liberale Italiano, ancora una volta, vuole scendere in piazza e per le strade insieme ai cittadini contribuenti con la sua campagna “Firma anche tu perla Rivoluzione Liberale” per sostenere:

Riduzione immediata dell’oppressione fiscale, attraverso la riduzione delle aliquote IRPEF; integrale deduzione dell’IRAP dall’IRPEF; abolizione della seconda rata dell’IMU e sua abrogazione per il futuro; rateizzazione dei debiti fiscali di necessità, senza interessi, mora, sanzioni ed aggi esattoriali sia per le imprese che per i contribuenti; consistenti risparmi di spesa con abolizione totale delle Province.

Una fiscalità più ragionevole comporterà una cospicua crescita del PIL, con la creazione di nuove attività economiche e nuovi posti di lavoro e rimetterà in moto i consumi; le minori entrate, derivanti dalla riduzione della fiscalità generale, verranno compensate dall’emersione di nuova materia imponibile, conseguente alla ripresa dell’economia, e dalla diminuzione della spesa pubblica della burocrazia provinciale.

Ancora una volta il PLI sceglie di essere vicino agli elettori ed ai cittadini nelle piazze e nelle strade con fatti concreti ed argomenti seri per l’unico futuro sostenibile per l’Italia del futuro: la vera Rivoluzione Liberale.

Queste le città coinvolte nella prima giornata (Sabato 10 novembre):

MILANO: 9:00-19:00 Piazza Diaz (angolo Via Marconi ) e piazza San Babila (angolo corso Matteotti)

PARMA: 9:00-18:00 Via Mazzini

PIACENZA: 10:00-13:00 e 16:30-19:00 Piazza Cavalli

BOLOGNA: 13:00-18:00 Bici Cargo della Libertà (in giro per la città)

CESENATICO: 14:30-19:00 Corso Garibaldi (Porto canale)

CESENA: 9-12:30 Galleria Urtoller

CATANIA: 16:00-21:00 Piazza Stesicoro (angolo Via Etnea)

RODENGO SAIANO (BS): 8:30-12:30 Via Brescia

BRESCIA: 14:00-17:00 Corso Zanardelli (di fronte al ex cinema Crocera)

COSENZA: 16:00-21:00 Piazza XI Settembre

.

.

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 Commenti

  1. un primo grazie a tutti i liberali presenti ai banchetti; un secondo grazie a quelli, come Roberto Rossi, che si sono avvicinati ai banchetti per iscriversi al PLI; un terzo grazie a quelli che al banchetto di Parma si sono impegnati a partecipare alla scuola di liberalismo che inizierà il 19 novembre; mi si consenta una quarto grazie ancora più intenso, a Marzia Perazzi e a Nicolò Bellini che hanno fatto ritornare operativo il PLI anche a Piacenza!

  2. Bravi. I liberali dimostrano la loro passione, in un momento in cui predominano la sfiducia o l’opportunismo. Il primo dicembre la mobilitazione sarà molto più grande e ci faremo sentire.

  3. Ricordo che anche il primo Dicembre saremo nelle piazze italiane per raccogliere le firme! A Roma, dove in quella stessa data si celebrerà il Congresso Nazionale della GLI, saremo presenti in 4 piazze, oltre che con un tavolino nella sede del congresso giovanile.
    Bravi i nostri dirigenti locali insieme agli iscritti che si sono dati da fare ieri… ed alla “propaganda itinerante” di Quinto Luigi Leprai. Avanti così!

  4. BOLOGNA: 13,00 – 18,00 Bici Cargo della Libertà,

    un contenitore di idee liberali a spasso per il centro storico durante i Tday aperto alle altre formazioni liberali del territorio.

Comments are closed.