“Il PLI accoglie la rielezione di Obama come una buona notizia per l’Italia. In effetti la campagna elettorale americana si è giocata principalmente sulla politica interna con speciale riguardo all’ economia. Qualunque esito avrebbe cambiato poco sul piano della politica estera in generale.

Per quanto concerne il nostro Paese – ha proseguito de Luca – il successo di Obama fa ragionevolmente prevedere un ulteriore consolidamento dei rapporti, che negli ultimissimi periodi, hanno registrato una particolare attenzione del Presidente degli Stati Uniti nei confronti di Giorgio Napolitano e Mario Monti, contribuendo a rafforzare il ruolo internazionale dell’Italia.

Anche le solide relazioni che la più importante azienda privata italiana, la FIAT, ha sviluppato negli Stati Uniti, acquisendo col sostegno del Presidente Obama il controllo della Chrysler – ha concluso il Segretario del PLI- costituiscono un ulteriore motivo di interesse che, con la sua rielezione, ci rende ottimisti.”