Riduzione fiscale e interventi europei per creare sviluppo

“Senza una riduzione della pressione fiscale, come giustamente ha rilevato il Presidente della Corte dei Conti Giampaolino, sarà impossibile la crescita e la stessa lotta all’evasione che non può non contenere l’elemento persuasivo della ragionevolezza delle aliquote sulla fiscalità del lavoro e delle imprese. Allo stesso tempo – ha affermato Stefano de Luca, Segretario Nazionale del PLI – è necessario un intervento deciso da parte dell’Europa in favore dello sviluppo e il Governo Monti ha acquisito il prestigio necessario per chiederlo con la dovuta determinazione.”

Condividi su:
CATEGORIES

COMMENTS

Utilizziamo i cookie per garantire la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne stia accettando l'utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi