“Sembra che il governo intenda fare sul serio per avviare il taglio della spesa pubblica, (auto blu, trasferte, convegni, spese inutili varie)  e che finalmente procederà a legiferare sull’eliminazione delle Province. Ci auguriamo che le solite corporazioni parassitarie non riescano a fermare tali iniziative e che, allo stesso tempo, l’annunciata Commissione per il controllo delle spese ministeriali produca l’effetto di tagliare ulteriori sprechi.

Bisogna adesso por mano, – ha affermato Stefano de Luca Segretario Nazionale PLI – in maniera seria ed equilibrata, a ridurre i costi della politica, principalmente quelli che riguardano le sterminate corti di presunti consulenti, assistenti e collaboratori esterni a contratto, proseguendo con la riduzione di assessori ed altri improduttivi apparati sul territorio.

Dopo essere stati a lungo irrisi per aver insistito su questi argomenti, finalmente, il Governo sembra voler raccogliere le nostre proposte. Si tratta adesso di proseguire con drastici interventi per tagliare la burocrazia parassitaria, automatizzando alcuni servizi e privatizzando molte funzione che possono essere affidate in outsursing a minor costo e con maggiore efficienza.

 Siamo inoltre fiduciosi che il Governo, nei prossimi giorni, come preannunciato, presenti un programma di liberalizzazioni e privatizzazioni nel campo dei trasporti, dell’energia, dei servizi postali e di quelli locali, unitamente ad un consistente programma di cessione di beni pubblici mobiliari e immobiliari.

Se l’Esecutivo procederà su questa strada, avrà il sostegno incondizionato dei Liberali.”