“Come avevamo puntualmente previsto, Berlusconi ha portato a Bruxelles il libro dei sogni, recuperando una serie di proposte per lo più liberali e quindi condivisibili, – ha affermato Stefano de Luca, Segretario Nazionale del PLI – ma sapendo che il suo Esecutivo non ne realizzerà nessuna . Gli altri capi di Governo hanno finto di credere alla visione onirica proposta dal Premier italiano, ma sapevano, sin dal giorno in cui l’hanno messa in campo, che si trattava di una sceneggiata finalizzata ad ammutolire l’Italia, di fronte al sacrificio di dover salvare le banche francesi e tedesche esposte con la Grecia. Siamo rattristati che non soltanto l’Italia è nelle mani di improvvisatori senza idee ma che in Europa le cose non vanno diversamente, in assenza anche di un solo leader in grado di guidare l’Europa in un momento di crisi così grave.”