La situazione sembra essere sfuggita di mano a Berlusconi. Il Governo ha improvvisato una soluzione alla crisi, con una pressione fiscale significativa, che porta l’Italia ad un ulteriore rallentamento della crescita.” Così Carlo Scognamiglio, Presidente del PLI, ha aperto ieri i lavori del Seminario sulla situazione economica italiana, promosso dal Partito Liberale, che si è tenuto a Roma a Palazzo Ferrajoli.

Intervenendo alla discussione, il Prof Andrea Romano di Italia Futura, ha sottolineato il fallimento delle “Rivoluzioni Liberali” promesse e non attuate, in modo bipartisan, sia dal Centro Destra che dal Centro Sinistra. Ha concluso dicendo che  il futuro deve lavorare intorno alle parole” moderati o centro ma Liberali”.

Il Professor Emmanuele Emanuele, Presidente della Commissione Fondazione Roma, ha criticato l’Europa germanocentrica e si è soffermato sulla necessità, per un Paese come l’Italia, di stipulare un patto regolatore tra privato e pubblico per gestire il welfare, (il cosiddetto terzo pilastro).

Il Senatore Mario Baldassarri, Presidente della Commissione Bilancio e Finanze del Senato, commentando la nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2011, pubblicato sul sito del Ministero, ha sottolineato le incongruenze tra le previsioni di crescita dichiarate nella nota e quelle del Fondo Monetario Internazionale. Secondo quest’ ultimo  la crescita dell’Italia sarà inferiore a quanto dichiarato dal Tesoro. Il mistero dell’aumento incondizionato del debito italiano è spiegabile, ha affermato Baldassarri,  in relazione ad un finto taglio delle spese pubbliche nel bilancio. Di fronte all’aumento delle tasse, che grava sulle spalle dei cittadini, la spesa pubblica prevista è in aumento. “Come dimostrato dalla nota di aggiornamento del DPEF, quella approvata dal Governo, è una manovra tutta tasse, che frena l’economia e non azzera il debito.”

A fine lavori, Carlo Scognamiglio ha concluso dicendo: “Sono tempi difficili e il Governo non è adatto a risolvere l’incresciosa situazione in cui versa l’Italia.”

I lavori continueranno per tutta la giornata di oggi, sempre a Palazzo Ferratoli, Piazza Colonna 355, a Roma.

1 commento

Comments are closed.