Nonostante il comportamento vergognoso della Rai ed il silenzio stampa relativo al referendum per l’abrogazione della legge elettorale, il “porcellum”, la raccolta delle firme nei gazebo e tavoli organizzati dal PLI, si continua a registrare un’affluenza massiccia. Lunghe le code per firmare, volti noti come Claudio Amendola e una miriade di cittadini desiderosi di cambiare il corso delle cose nel nostro Paese. L’insofferenza delle persone fermatesi a firmare, è un  una voce univoca. Rabbia, insoddisfazione e tanta voglia di cambiare, all’insegna di un’unica parola d’ordine: mandiamoli a casa. Questo è l’umore collettivo che ormai il Governo non può più ignorare.