“Nonostante la fiducia sulla manovra incassata al Senato, che probabilmente verrà replicata alla Camera, il Governo è palesemente in affanno. Non è stato infatti, in grado di compiere alcuna delle scelte coraggiose di riduzione della spesa pubblica, privatizzazioni e liberalizzazioni necessarie alla ripresa dell’economia. Ancora una volta, – ha affermato Stefano de Luca, Segretario Nazionale del PLI – il Capo dello Stato a Palermo è intervenuto con puntualità su due argomenti cruciali: la necessità della coesione Nord Sud, per assicurare nuove necessarie opportunità al Mezzogiorno e la difesa della Carta Costituzionale soggetta ad attacchi quotidiani, che ne potrebbero stravolgere il tessuto unitario. La casta non è costituita dalle alte autorità che rappresentano con dignità lo Stato, ma vassalli valvassini e valvassori creati da un sistema fondato sulla cooptazione. Quelli che appaiono come privilegi, sovente, sono doverosi riconoscimenti a chi ricopre alti ranghi istituzionali. I tagli alla politica devono riguardare il finanziamento pubblico dei partiti, e le consulenze d’oro ai trombati delle varie competizioni elettorali.”

1 commento

Comments are closed.