Presieduto dal Sen. Enzo Palumbo, si è riunito sabato a Palazzo Ferrajoli il Congresso Provinciale del Partito Liberale Italiano (PLI) di Roma. Nel suo intervento introduttivo, Palumbo, rievocando una famosa pagina di Benedetto Croce, ha affermato che “il liberalismo non è né di sinistra né di destra poiché la libertà viene garantita certe volte sia con provvedimenti conservatori sia progressisti”.

Il congresso ha ascoltato tra l’altro l’intervento di saluto portato da Luciano Nobili di Alleanza per l’Italia (API) e dopo ampio dibattito ha eletto Presidente Renata Jannuzzi e Segretario Roberto Amiconi.
Renata Jannuzzi, ha sottolineato l’importanza del “confronto attivo con la società civile per dar voce politica alle istanze dei cittadini”. Amiconi ha poi illustrato la “ricetta liberale” per la Provincia di Roma evidenziando la necessità della più efficiente utilizzazione delle risorse pubbliche disponibili con ampia apertura al mercato e di ristabilire un corretto rapporto tra fiscalità locale e servizi erogati ai cittadini.

La nuova Direzione Provinciale è inoltre composta da Giulia Chiodini,Vincenzo Elifani, Edoardo de Blasio, Giovanna Violante, Guido Di Massimo, Jacopo Loreto, Francesco Maletto, Jacqueline Rastrelli, Antonio Pileggi, Sergio Pratellesi, Giuseppe Spinella, Gianfranco Loreto, Vittorio Ricerni, Carla Guerci, Alessandra Colonna, Giovanni Angelini, Luciano Spinosi.

Fanno parte di diritto della nuova Direzione Provinciale i membri della Direzione Nazionale Antonetti, Brancati ed Irti, ed i Consiglieri Nazionali della Provincia di Roma.

14 Commenti

  1. Lo Statuto prevede che i Consiglieri Nazionali in carica della provincia facciano parte, di diritto, della Direzione Provinciale se e sole se iscritti al Partito. Quelli che non vede nell’elenco non hanno rinnovato la loro iscrizione al PLI.
    Cordialmente
    Georgia

  2. Ma ad esempio ricordo che c’erano anche altri consiglieri nazionali di Roma (ne cito uno che mi viene in mente in questo momento: Nico Valerio ma ce ne sono anche altri sicuramente), come mai non sono inseriti?

  3. Sono presenti nella lista anche i membri di diritto, sono gli ultimi otto, che le riporto qui di seguito:

    Mauro Antonetti
    Antonietta Brancati
    Giancarlo Colombo
    Teodoro de la Grange
    Nazareno Ferrazza
    Agazio Furina
    Maurizio Irti
    Marco Sabatini

    Cordialmente
    Georgia

  4. Cara Georgia,
    la ringrazio per la disponibilità e la gentilezza.

    Le segnalo però che nella lista del Direttivo Provinciale mancano i membri di diritto e cioè i membri della Direzione Nazionale e del Consiglio Nazionale di Roma.

    Cordialmente.

    Andrea

  5. Dott. Zorliani,
    sperando di farle cosa gradita,
    ho appena inviato al suo indirizzo di posta elettronica
    la lista completa della Direzione Provinciale di Roma.
    Cordialmente
    Georgia

  6. Caro Dott. Zorliani,
    la lista del Direttivo Provinciale di Roma può trovarla nella sezione “il PLI sul territorio”.
    Cordialmente
    Per la Segreteria del PLI, Georgia

  7. Caro Irti,
    innanzi tutto vorrei invitarla ad essere più educato e professionale, scrivendo con caratteri e punteggiatura consoni alla discussione.

    Poi le faccio presente che io non ho chiesto la lista degli iscritti, bensì la lista completa dei facenti parte della Direzione Provinciale, compresi i Consiglieri Nazionali di Roma, giusto per avere un quadro complessivo sulla sua composizione.

    Del resto sono stati pubblicati (mandati in giro come dice lei) i nomi della Direzione Provinciale parziale (senza i Consiglieri Nazionali), non vedo perchè non sia possibile pubblicare quella completa.

  8. ZORLIANI !!! MAI SENTITO PARLARE DI PRIVACY ?????

    IN QUALSIASI CLUB O ASSOCIAZIONE LE LISTE DEGLI ISCRITTI SI PRENDONO VISIONE NELLA SEDE E NON SI MANDANO IN GIRO!

  9. Le liste di tutti gli iscritti d’Italia (non solo di Roma) sono presso la Sede del Partito e lì visibili, e sono a disposizione degli iscritti SEMPRE E COMUNQUE . TELEFONARE IN SEDE .

  10. Rinnovo la mia richiesta.

    Maurizio Irti, per favore, si può avere la lista di tutti coloro che fanno parte della sezione romana, compresi Consiglieri e Dirigenti nazioniali?

    Grazie.
    Saluti.

  11. Cara Antonietta,
    Ci voleva la ricostituzione, dopo anni di assenza, del Direttivo Provinciale Romano, per vedere che, finalmente ti sei ripredisposta ad una vivace dialettica politica ……. anche se in polemica, per ora!

    Spero vivamente che questo tuo ardore lo dirotti a fini costruttivi, per farci vedere un tuo contributo attivo nella neo vita politica del PLI a Roma !!!
    D’altronde il Direttivo, nel quale tu sei membro di diritto, non si può attendere di meglio da un ex Consigliere Regionale del Lazio, che una sua capacità di esprimere consensi intorno a sè dettati dall’impegno a voler far crescere e far radicare nuovamente il PLI a Roma e Provincia !

    Inoltre, ti sarai accorta e se non ti sei accorta ancora, te ne accorgerai, che i membri effettivi del direttivo sono tutte persone di uno spessore culturale e sociale certamente più elevato rispetto alle meteore che hanno attraversato di recente il PLI Romano solo con intenti “speculativi” per sè stessi .
    Questi membri del nuovo direttivo sono persone , infatti, che per consuetudine e per ambiente sociale di formazione, gli è sempre venuto più naturale di altri sentirsi Liberali e rispecchiarsi nella cultura valoriale liberale !

    Quindi , cara la mia Antonietta, approfitta di questo , perchè puoi dare molto con la tua vivacità politica , se indirizzata non alla sterile polemica, ma alla costruttiva volontà di aiutare questo direttivo a crescere politicamente.

    Maurizio Irti

  12. come membro della Direzione Nazionale ho dato la mia presenza all’assemblea provinciale con la convinzione che in sede di dibattito si formulassero mozioni, argomentando le varie posizioni, per dare a tutti gli iscritti la possibilità di maturare una scelta che fosse nel segno di una reale partecipazione. Purtroppo ho dovuto prendere atto che i giochi erano stati già fatti in una preriunione ristretta, ben consapevoli i partecipanti a questa riunione, che le convocazioni non avrebbero coinvolto per loro scelta, tutti gli iscritti. Esprimo pertanto forti dubbi sul metodo seguito, che sembra più consono ad altri partiti che non al PLI, anche in considerazione del fatto che il Segretario Nazionale stigmatizza il cesrismo forzaitaliota e poi deve subire, ahimè, comportamenti politici che lui stesso ed il partito hanno sempre denunciato come non democratici. Il mio augurio come esponente nazionale del partito è che si possa realmente avverare un camblamento di sistema che superi la logica della lobby per aprirsi alla partecipazione democratica e alla affermazione di valori e di merito e non ingessare il partito attraverso un controllo illiberale del tesseramento e degli organismi direttivi. Il terremoto elettorale delle ultime elezioni amministrative, ha dimostrato che non si può icombattere la voglia di cambiamento e di partecipazione dei cittadini alle scelte politiche e quindi avrebbe dovuto consigliare la rinuncia ad una prassi del controllo degli organismi attraverso un’operazione di ingegneria politica vecchio stampo, che appartiene ormai ai dinosauri della politica.

Comments are closed.