“Siamo sconvolti dalla stupefacente sentenza dei giudici della seconda sezione penale di Milano che assolve le banche estere dal reato di aggiotaggio per il crack della Parmalat.
In realtà, – ha affermato il Segretario Nazionale del PLI Stefano de Luca – le banche avevano riconosciuto la propria responsabilità, avendo proposto risarcimenti ai risparmiatori indotti dalle stesse banche a sottoscrivere i bond-carta-straccia Parmalat per tutelare i propri crediti. Ora i risparmiatori hanno perso tutto ed i responsabili hanno trovato il modo di farsi assolvere. Non conosciamo il processo per essere in grado di giudicare la sentenza ma conosciamo bene il modo in cui sono andate le cose, per essere sconvolti.”

1 commento

  1. Finalmente il PLI scende nel concreto, non è mai troppo tardi!!
    Finalmente de Luca riconosce che il vero potere in Italia, non stà nel governo, ” ma nelle banche.”
    Finalmente prende posizione su quelllo che a parer mio, è il punto programmatico più importante per il PLI, ” ossia, la tutela del risparmio.”
    Penso che se il PLI vuole avere un minimo di credibilità, dovrebbe promuovere sia una petizione a sostegno del risparmio, con riferimento anche ma non solo al caso PARMALAT, che una manifestazione nazionale; bisogna richiedere al governo una legge quadro a tutela del risparmio, che preveda l’aumento dei rendimenti dei titoli al risparmio, nonchè dei fondi di investimento; che preveda delle norme reali a tutela dei risparmiatori.
    Il risparmio deve tornare ad essere appetibile al mercato.
    Va difeso il risparmio dei titoli italiani che vanno in tutti i modi incentivati.
    Dobbiamo dire un netto no ad ogni ipotesi di tassazione del risparmio.
    Vanno pretese delle norme ad doc sulla trasparenza del risparmio ed a tutela dei risparmiatori.
    In una logica di crisi economica, il risparmio, sia privato che pubblico costituisce uno degli assi portanti della nostra economia, e quindi, deve risultare trasparente, e depurato dai titoli spazzatura .
    Saluti.

Comments are closed.