Il Governo per pagare il debito all’azionista di riferimento, Umberto Bossi, ha dovuto porre la fiducia sul decreto del federalismo municipale.

In tal modo ha indotto i recalcitranti “responsabili”, da poco arruolati ed in maggior parte del Sud, a votare un provvedimento indigesto, che comporterà un aumento della pressione fiscale, principalmente per i contribuenti meridionali. Allo stesso tempo ha ottenuto dalla Lega una moratoria di quattro mesi per l’approvazione degli altri Decreti ed allungare così l’agonia della compagine governativa.

L’anno del centocinquantesimo anniversario della Unità d’Italia sarà così ricordato come quello dell’inizio del suo sgretolamento. I liberali sono inorriditi!

E’ quanto ha dichiarato il Segretario Nazionale del Partito Liberale Italiano, Stefano De Luca a margine dei lavori di preparazione del Consiglio Nazionale di Sabato 5 marzo a Roma.