Promossa dal P.L.I. e da altri gruppi e movimenti politici di cultura liberale e democratica si è tenuta il 23 luglio 2008 a Roma una riunione per dar vita ad una più ampia costituente, che faccia  riferimento al Partito Liberale Europeo ad all’ Internazionale Liberale per avviare la riorganizzazione dell’area in vista delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e delle prossime amministrative.

Nel corso dell’incontro è stata illustrata la strategia che il movimento liberaldemocratico intende darsi ed è stato presentato il sito www.listapereuropee.it già attivo per la presentazione territoriale e per avviare la raccolta delle firme.

Il prossimo incontro è stato fissato per il giorno 16 settembre 2008.

Ufficio stampa del PLI, Roma 24 luglio 2008

 

5 Commenti

  1. Lo Stato fondato sull’idea di libertà ha dato vita alle più grandi trasformazioni storiche. I governi Liberali hanno consentito l’eliminazione dell’analfabetismo,un miglioramento economico di tutte le classi sociali,l’abbattimento di tutte le barriere sociali e un senso della dignità dell’indivuduo.
    Oggi viviamo una realtà difficile,dove questo Bi-polarismo umilia e mortifica la Costituzione Italiana,avviando leggi anti-democratiche,il popolo oggi RI-vuole la sua LIBERTA’ e Noi Liberali rappresentiamo il popolo,insieme Noi tutti faremo grandi battaglie e oggi più che mai siamo guidati da un valente On.Stefano de Luca che sono certo avrà tutto il nostro sostegno.
    Buon lavoro a tutti

  2. E’ una buonissima base di partenza. Speriamo solo che vada a buon fine.
    Ci sono comunque dentro le 2 maggiori componenti nate dal vecchio PLI: noi e la Federazione del Liberali di Morelli e già questo è un successo.

  3. l’elenco dei partecipanti è scarso ma può essere una base di partenza
    per presentare la LISTA UNICA DELL’ELDR

  4. La Lombardia è un popolo generoso,un popolo a lungo mortificato,illuso,raggirato da promesse di autonomia ed autogoverno.
    Un popolo ferito nei suoi ideali,deluso nelle sue aspirazioni.Questo è il popolo lombardo.Difficile risvegliarne l’anelito di libertà.Difficile avviare un sentimento di fiducia per un domani politico sereno .Non vogliamo essere sudditi di Roma, nè tantomeno della Padania,ma liberi in libero stato federale.Un compito arduo che noi ci siamo impegnati a svolgere, sin dal 1995 abbiamo predisposto lo Statuto Speciale per l’Autonomia Lombarda e vogliamo risvegliare dal torpore e dalla sudditanza il nostro popolo,raccogliendo le firme a sostegno dello Statuto Speciale. Condividete o no questo nostro anelito di autodemocrazia ?
    ferruccio.37@libero.it

Comments are closed.