Premesso: che entrambe le formazioni politiche si riconoscono nella tradizione  culturale del pensiero liberale, moderato e riformatore; che pertanto ritengono possibile un comune impegno per rafforzare tali idee e riunire l’area politica che ad esse fa riferimento;

CONVENGONO di avviare un processo federativo, da sviluppare sia al livello locale ed elettorale, che al livello politico generale, ribadendo al contempo la autonomia di entrambi i soggetti sotto il profilo organizzativo e della scelta delle alleanze; di dar vita ad un comitato permanente paritetico per l’approfondimento delle questioni di attualità più rilevanti al fine di realizzare iniziative comuni di carattere politico culturale  e tematico, nonché per affinare un progetto di integrazione da sottoporre in tempi brevi ai propri organi statutari;

l’on.  Giacomo  PORTAS, deputato eletto in rappresentanza dei MODERATI nelle liste del PD ed iscritto, come indipendente, nel relativo gruppo parlamentare, si dichiara disponibile a farsi portatore di iniziative politiche comuni per dar voce, in Parlamento,  alle proposte liberali e pertanto si darà luogo immediatamente ad uno stabile coordinamento.

All’uopo è prevista una Conferenza stampa a Roma presso la Sala stampa della Camera dei deputati il 29 maggio 2008 e successivamente una manifestazione a Torino.

Roma, 28 maggio 2008

On. Stefano de Luca seg. Nazionale del PLI

Coordinatori MODERATI

On. Giuliano Manolino

 

 

2 Commenti

  1. Salve, voglio esprimere i miei complimenti per la vostra azione politica. Ho ascoltato l’intervento di Roberto Petrassi a Chianciano e spero molto che riusciate a partecipare alla costruzione di una nuovo importante movimento (anche federato con liberl-socialisti, laici, repubblicani, radicali, ecoligisti) che portino le idee liberali ad essere conosciute dai giovani italiani e nuovi eletti liberali nelle istituzioni italiane ed europee. In bocca al lupo, Gianluca

  2. Vorrei rammentare prima a me stesso e poi agli amici che mi leggeranno che il nostro partito, così come è stato sancito dal congresso nazionale prima ed dal consiglio nazionale subito dopo, resta e rimane al centro dello schieramento politico sino al prossimo congresso e tutti gli atti dovranno essere quindi conseguenti.
    E’ stato anche suggerito che in periferia gli esponenti del partito, sentita la propria direzione di appartenenza e quella subito superiore, a seconda le circostanze e le opportunità, condivisibili o non , possono determinare scelte ed alleanze con quelle forze politiche che riterranno più opportuno indipendentemente dalla linea politica del partito a livello centrale.
    A proposito dell’accordo con i moderati concordo che l’alleanza ed il progetto di integrazione dovrà necessariamente passare attraverso gli organi statutari. Ringrazio, e sono convinto di unirmi al coro, l’onorevole PORTAS per aver accettato di farsi portatore e di dar voce in parlamento alle iniziative e proposte liberali. Grazie. Angelo Caniglia

Comments are closed.