ADN0961 5 POL 0 ADN POL NAZ
GOVERNO: GUZZANTI (PLI), BENE NAPOLITANO, PREMIER NON PUO’ SCIOGLIERE CAMERE =
LETTERA APERTA A CAPO STATO, SAPRA’ DIFENDERE COSTITUZIONE E DEMOCRAZIA

Roma, 13 ago. – (Adnkronos) – “Le Camere si sciolgono se e quando il capo dello Stato, e soltanto lui, ritiene che questa sia la miglior risposta da dare nell’interesse del Paese e della democrazia parlamentare, e affinche’ i posteggiatori abusivi della Costituzione repubblicana smettano di interferire con poteri di cui non hanno la disponibilita’”. Ad affermarlo e’, in una lettera aperta al presidente della Repubblica, il vice segretario del Pli Paolo Guzzanti, secondo il quale Napolitano “sapra’ fare chiarezza e difendere come sempre ha fatto Costituzione e democrazia”.

“Per la prima volta nella storia delle democrazie parlamentari, un capo di governo ingannato da un calcolo errato distrugge il proprio sostegno parlamentare e, come se ne avesse la disponibilita’, minaccia elezioni anticipate come se spettasse a lui sciogliere le Camere. Noi liberali -prosegue Guzzanti- pensiamo che il capo dello Stato abbia fatto benissimo a ricordare in modo sereno che la decisione spetta soltanto a lui”.

“Noi liberali siamo contrarissimi alle elezioni anticipate sia perche’ la valutazione spetta solo al capo dello Stato, sia perche’, e soprattutto, riteniamo che non si possa e non si debba andare a nuove elezioni prima che l’attuale legge elettorale, detta popolarmente e giustamente ‘Porcellum’, non sia abrogata e sostituita, possibilmente da una buona nuova legge, o alla peggio dalla vecchia legge detta ‘Mattarellum’, che fra tanti difetti -conclude Guzzanti- garantiva meglio la stabilita’ politica e il rapporto biunivoco fra rappresentanti e rappresentati”.

(Pol/Zn/Adnkronos) 13-AGO-10 19:01

NNNN

di Paolo Guzzanti

… lei signor Presidente abbia fatto benissimo la mattina del 13 agosto a ricordare in modo sereno che la decisione spetta soltanto a lei.

Ma c”è di più: l’attuale capo del governo da tempo si comporta come se la Costituzione fosse già stata modificata secondo le sue direttive e si attiene a questa inesistente Costituzione modificata anziché a quella reale di cui Ella è il custode supremo e unico.

Peraltro, signor Presidente, noi liberali siamo favorevolissimi ad un’ampia riforma costituzionale, che però deve seguire  le norme previste dalla stessa Costituzione.

Ma oggi ci troviamo di fronte a un fatto straordinario: un capo di governo, per un suo proprio marchiano errore di valutazione, sfascia la maggioranza che lo sostiene in Parlamento, espelle con un gesto autoritario lo stesso Presidente della Camera dalla propria coalizione e si accorge solo quando è troppo tardi di essere stato male informato: i deputati che avrebbero seguito il Presidente della Camera espulso non erano una quindicina, ma più del doppio e che di conseguenza ha perso la maggioranza che aveva e che lo aveva finora sostenuto.

Di conseguenza il presidente di quel “board” che è il Consiglio dei ministri (che abusivamente si fa chiamare Premier, Primo Ministro, Presidente), per sua colpa, per sua sventatezza, per un suo personale ed evitabile errore di valutazione, minaccia lo scioglimento delle Camere, che non gli compete, e la convocazione dei comizi elettorali per le elezioni anticipate, sostenendo che il popolo è con lui e che se una maggioranza parlamentare gli si è rotta nelle mani per una disattenzione, poco male, lui ne ordina un’altra nuova di zecca, licenziando un Parlamento ed assumendone un altro facendo uso di una legge elettorale che oggi gode della massima impopolarità, come anche il preteso bipartitismo e bipolarismo in cui in tanti abbiamo creduto, ma che ha fallito miseramente nel compito di dare risposte rapide ed efficaci ai problemi del Paese.

Tutto ciò avviene, signor Presidente della Repubblica, come se Lei non esistesse, come se non spettasse a Lei e soltanto a Lei il dovere e il diritto di verificare se e quale maggioranza il Parlamento repubblicano è in grado di esprimere per sostenere un esecutivo che risponda ai gravissimi e immediati problemi del Paese e della sua galoppante crisi economica tutt’altro che risolta, che anzi marcia verso il suo punto più critico.

Noi liberali siamo contrarissimi alle elezioni anticipate sia per i suddetti motivi costituzionali, sia perché, e soprattutto, riteniamo che non si possa e non si debba andare a nuove elezioni prima che l’attuale legge elettorale, detta popolarmente e giustamente “Porcellum”, non sia abrogata e sostituita, possibilmente da una buona nuova legge, o alla peggio dalla vecchia legge detta “Mattarellum” che fra tanti difetti garantiva meglio la stabilità politica e il rapporto biunivoco fra rappresentanti e rappresentati.

Noi liberali, come Ella forse saprà, ci accingiamo a varare un referendum popolare per l’abrogazione del “Porcellum”, con la speranza di marciare insieme ad altre forze politiche che come noi abbiano a cuore la democrazia repubblicana, le sue forme e le sue garanzie, piuttosto che gli interessi di bottega.

Per tutti questi motivi, signor Presidente, il Partito Liberale Italiano esprime voti affinché Ella mantenga la linea che ha già felicemente espresso, ribadendo che le Camere si sciolgono se e quando il capo dello Stato, e soltanto lui, ritiene che  questa sia la miglior risposta da dare nell’interesse del Paese e della democrazia parlamentare, e affinché i posteggiatori abusivi della Costituzione repubblicana smettano di interferire con poteri di cui non hanno la disponibilità.

Le sottolineiamo ancora una volta che l’attuale situazione di difficoltà della maggioranza è conseguenza degli errati calcoli del presidente del Consiglio e non di qualche oscuro complotto o “ribaltone”, come quello che si verificò nel 1994. Stavolta il capo del governo ha fatto tutto da solo e pretenderebbe, come fosse cosa sua, calpestare la Costituzione e minacciare il ritorno alle urne, che non gli compete.

Siamo sicuri, signor Presidente, che Ella ancora una volta saprà fare chiarezza e difendere come sempre ha fatto Costituzione e democrazia.

6 Commenti

  1. Tra poco sarà inagurata la Sede regionale del partito a Cosenza.Tantissimi sacrifici fatti dagli amici, questo non ci ferma,anzi ci sprona a continuare le battaglie liberali, che tanto ne ha bisogno il paese e in particolare il meridione.La bandiera liberale già sventola dopo lunghi diciotto anni di assenza grande sarà l’evento del 30 settembre alla presenza di tantissimi amici e cittadini che parteciperanno alla festa liberale.L’entusiasmo di Stefano De Luca la saggezza di Enzo Palumbo e di tanti altri hanno determinato questo straordinario
    miracolo.

  2. Caro on. Guzzanti, sono contento delle espressioni che riserva al Capo dello Stato segno di virtu repubblicane. Volevo chiederle come si situa il Patito da lei guidato nelle varie regioni perche’ vedo in Puglia e Basilicata schierato a destra con il pdl che credo ormai giunto al capolinea delle sue virtu’ tanto sbandierate ma poco liberali. Senza chiedere una ‘sinistralizzazione’ del partito un’alleanza con il centro? La seguo in tv e condivido pienamente le sue opinioni. Con stima Marco Ulianich

  3. Rimanendo sul tema della lettera, le ultimissime, serissime e ponderate dichiarazioni del Presidente della Repubblica gettano una luce inquietante sui possibili sviluppi dello scontro Istituzionale.
    L’Italia Liberale e onesta saprà apportare il proprio contributo di chiarezza e determinazione nella difesa intransigente dei alti valori Costituzionali a fondamento della nostra Repubblica.
    Anche per non dimenticare i tanti, liberali, azionisti, ed appartenenti alle diverse culture del Paese che per difendere la Libertà non esitarono a mettere i loro vent’anni sul piatto della morte.

    GUZZ – Carissima Silvia del Guercio, lei come sempre sottolinea il punto più importante e la ringrazio per il suo prezioso contributo. Le devo anzi dire che su Rivoluzione Italiana ho appena pubblicato un mio video, che mi permetto di sottoporre alla sua attenzione e a quella di tutti gli amici liberali, sullo scontro in atto

  4. Chiedo interventi di critica o assenso motivati su quanto sotto riportato dopo aver letto quanto pubblicato al seguente collegamento:
    http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=3674

    E-mail inviata a:

    f.ghira@rinascita.eu

    Oggetto: Italiani produttori manufatturieri o solo popolo di consumatori di merci altrui?

    http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=3674

    Da ex-sindacalista fiom-cgil, rigoroso a tal punto da abbandonare l’organizzazione per i comportamenti da stuoino con i poteri forti dei suoi dirigenti, ex Nuovo PSI e ultimamente approdato al PLI, apprezzo quanto da lei scritto e con sorpresa per la sua collocazione politica che, internazionalmente, invece di privilegiare gli interessi nazionali preferisce negarli in ordine ad un internazionalismo proletario leninista-staliniano.
    Questo in linea teorica anche se poi la prassi della doppia morale di togliattiana memoria ne stemperava l’assunto ideologico.
    Pensi che in epoca recente, da responsabile Energia e Ambiente del Nuovo PSI F-VG, avevo proposto la creazione di un apposito ministero dell’Energia come potrà appurare dal volantino allegato:

    Socialisti del Friuli-VG

    hanno da tempo dato la risposta
    a quale energia dare la priorità
    per sopperire alle necessità del Paese
    ovvero

    al fuoco scoperto da Enrico Fermi

    – l’ENERGIA NUCLEARE
    – le energie alternative ..intelligenti:
    termovalorizzatori, ecc.
    – l’istituzione ad hoc
    di un Ministero per l’Energia

    La City londinese ha tutto l’interesse di bloccarci nella produzione dei beni che, inglobando oggi prevalentemente costi energetici e finanziari, fiaccando la nostra concorrenzialità sul mercato globale, vuole impedirci l’esportazione dei nostri beni per i costi energetici proibitivi volendo in tal modo trasformarci in un popolo solo di consumatori per lo sbocco delle produzioni made in U.K..
    Questo lo aveva capito bene Ghandi quando cominciò il boicottaggio dei tessuti inglesi.

    Mandi,

    Renzo Riva

    Via Avilla, 12/1
    33030 Buja – UD
    renzoslabar@yahoo.it
    +39.349.3464656
    http://renzoslabar.blogspot.com/

    P.L.I. F-VG
    Energia e Ambiente
    referente
    C.I.R.N. F-VG
    Comitato Italiano Rilancio Nucleare)

  5. Grande Paolo, questa è la strada giusta.

    Gianluca

    GUZZ – GRAZIE gentile signor Micarelli.

  6. Trovo questa Lettera uno squarcio di luce in un Agosto torbido e pieno di insidie.
    Questa Lettera incarna nel modo più alto le Virtù Repubblicane.

    Viva l’Italia, Viva la Repubblica!

    Silvia Del Guercio

    GUZZ – CARISSIMA SILVIA, le sue parole sono tipiche di chi aggiunge alla bellezza della persona lo splendore delle virtù che hanno formato le migliori generazioni. Grazie, con tutto il cuore.

Comments are closed.