“La legalità va rispettata sempre e da parte di tutti. Se i lanci di agenzia e le indiscrezioni di qualche giornale on line, secondo cui la Lista civica Polverini sarebbe stata riammessa fossero confermati dalla realtà dei fatti saremmo per l’ennesima volta di fronte a un malcostume che i Liberali, rispettosi della legalità, non possono tollerare”.

“Sulla strada dell’illegalità allora – aggiunge – presto saranno riammessi anche la lista del PDL e il listino legato alla Polverini. Se ovviamente il caso avesse riguardato i Liberali, la magistratura non avrebbe avuto esitazioni a escludere la lista dalla competizione elettorale. Alle elezioni politiche, per un’analoga dimenticanza di una sottoscrizione, la lista liberale non venne ammessa in Lombardia. Se quanto paventato in questi minuti, quindi, dovesse avverarsi – dice ancora il numero uno del PLI -, il nostro partito non potrà che rivolgersi alla magistratura per vedere garantito il diritto dei propri elettori ad essere rappresentati alle elezioni regionali. Altra questione sarebbe una soluzione politica che dovrebbe rimettere tutti in corsa poiché la rappresentanza deve essere reale e non conseguenza di formalismi”, conclude de Luca.

1 commento

Comments are closed.