PLI: Lazio, Bonino, una opportunità, Polverini, il passato da archiviare

RedazioneComunicati

Dichiarazione di Roberto Petrassi, coordinatore segreteria nazionale PLI

La segreteria nazionale del PLI esprime apprezzamento per la scelta di Emma Bonino e ritiene la Sua candidatura una opportunità per tutti i cittadini del Lazio perché fuori da un bipolarismo di potere al tramonto e contro lo sfascio di questo regime partitocratico.

Emma per il Suo alto profilo morale e politico, riconosciuto anche a livello internazionale, è in grado di rappresentare la stragrande maggioranza degli elettori di centrosinistra e di raccogliere consensi anche tra gli elettori moderati del centrodestra delusi dalle troppe promesse mancate del governo Berlusconi, in particolare fisco e liberalizzazioni.

Noi liberali sosteniamo la candidatura di Emma Bonino anche per il Suo impegno incessante a difesa dei diritti civili e per le sue battaglie liberali per la legalità, il rispetto dell’essere umano, la trasparenza nella P.A. e la dignità ed autorevolezza della politica.

Auspichiamo di estendere in altre regioni questa nuova alleanza con il partito radicale, insieme alle forze laiche, democratiche e riformatrici.

La Polverini rappresenta l’incontro tra il conservatorismo del Pdl e quello della prassi sindacale e vuole riportare il centrodestra indietro di anni, un’esperienza di governo che l’UDC ha bollato come fallimentare per il Paese e che oggi, incomprensibilmente, insegue.

Noi liberali siamo convinti che i cittadini del Lazio bocceranno questo ritorno ad un passato da archiviare. Temiamo, però, che le primarie ventilate dal PD, oltre a regalare troppo tempo alla campagna solitaria delle destre, nascondano il tentativo di aggirare la novità Bonino.

La Segreteria Nazionale del PLI