Tav, Pasquali (Pli): 20 settembre primo mattone per costruire fronte liberale Roma, 21 lug. (LaPresse) – “L’assalto al cantiere della Tav a Chiomonte, con lanci di razzi contro la Polizia, è anche figlio dell’eterna altalena tra un modello di sviluppo al passo con i tempi e il no ideologico mascherato da ambientalismo. L’eterno equivoco è destinato a generare mostri. Il 20 settembre, anniversario della breccia di Porta Pia, in Piazza Montecitorio al Capranichetta sarà l’occasione per posare il primo mattone così da costruire quel fronte liberale di cui il Paese ha bisogno, mettendo per qualche ora sotto lo stesso tetto soprattutto quelle esperienze liberali che, non trovando asilo nei partiti tradizionali, hanno optato per un percorso associativo. Detassazione dell’imprenditorialità, avvio cantieri, abbattimento della burocrazia, aumento della concorrenza e liberalizzazione dei servizi sono dei passaggi chiave per il protagonismo delle nostre imprese sullo scacchiere internazionale. Gli Stati generali dei Liberali saranno, infatti, una prima occasione per riflettere liberamente sulle ricette da mettere in campo, declinando, con equilibrio, progresso tecnologico e nuove libertà, per immaginare insieme un modello di società per le nuove generazioni. Una giornata aperta al confronto tra tutte le diverse sensibilità liberali presenti, seppur con diversa consistenza, in diverse realtà politiche ed associative. Le idee liberali ci sono ora occorre disegnarne il perimetro”. Lo dichiara Francesco Pasquali, della Segreteria Nazionale del Partito Liberale Italiano, in merito agli stati generali dei Liberali del 20 settembre al Capranichetta.