SANITÀ, PLI: USCITA COMMISSARIAMENTO LAZIO SOLO DOPO ELEZIONI

Omniroma-SANITÀ, PLI: USCITA COMMISSARIAMENTO LAZIO SOLO DOPO ELEZIONI (OMNIROMA) Roma, 27 NOV – “È pericoloso che in piena campagna elettorale il CdM approvi il decreto che sancirà la fine della gestione commissariale della sanità laziale. Il fatto che non ci sia nulla sulla relativa riduzione dell’IRAP alle imprese la dice lunga sulla natura propagandistica che si cela dietro la tempistica di questa scelta”. Lo dichiara in una nota il segretario regionale del Lazio del Partito Liberale Italiano, Francesco Pasquali, Italiano in merito “all’uscita dal commissariamento della Regione Lazio annunciata in occasione del prossimo Consiglio dei Ministri del 1 dicembre”. “È, infatti, molto elevato – prosegue l’esponente PLI – il rischio che lo sblocco del turn over e la gestione autonoma, possano, nelle mani di una Giunta regionale in dismissione, trasformarsi in mance elettorali, mandando in fumo tanto il sacrificio degli utenti quanto degli operatoti del settore. È quindi opportuno che una volta acclarato l’azzeramento del disavanzo – pagato da aziende e famiglie con le addizionali Irap e Irpef – si riducano le aliquote Irap e l’uscita dal commissariamento sia posticipata al giorno successivo alle elezioni regionali. Il passivo della sanità laziale con i suoi 10 miliardi di euro dovrebbe spingere a tenere quindi fuori la sanità dalla campagna elettorale”. red 271444 NOV 17 NNNN

Sanità, Pli: Uscita commissariamento Lazio solo dopo elezioni 

Sanità, Pli: Uscita commissariamento Lazio solo dopo elezioni Roma, 27 nov. (LaPresse) – “È pericoloso che in piena campagna elettorale il CdM approvi il decreto che sancirà la fine della gestione commissariale della sanità laziale. Il fatto che non ci sia nulla sulla relativa riduzione dell’IRAP alle imprese la dice lunga sulla natura propagandistica che si cela dietro la tempistica di questa scelta”. Lo dichiara il segretario regionale del Lazio del Partito Liberale Italiano, Francesco Pasquali, Italiano in merito all’uscita dal commissariamento della Regione Lazio annunciata in occasione del prossimo Consiglio dei Ministri del 1 dicembre. “È, infatti, molto elevato – spiega l’esponente Pli – il rischio che lo sblocco del turn over e la gestione autonoma, possano, nelle mani di una Giunta regionale in dismissione, trasformarsi in mance elettorali, mandando in fumo tanto il sacrificio degli utenti quanto degli operatoti del settore. È quindi opportuno che una volta acclarato l’azzeramento del disavanzo – pagato da aziende e famiglie con le addizionali Irap e Irpef – si riducano le aliquote Irap e l’uscita dal commissariamento sia posticipata al giorno successivo alle elezioni regionali. Il passivo della sanità laziale – conclude Pasquali – con i suoi 10 miliardi di euro dovrebbe spingere a tenere quindi fuori la sanità dalla campagna elettorale”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here