Cari amici,

vi comunico che è stato costituito formalmente il “Comitato per le libertà dei cittadini, No al peggio” con l’intento di raccogliere adesioni e mobilitare il maggior numero di persone possibili per un sonoro NO al referendum sulla riforma costituzionale.

Il comitato proposto dal PLI, insieme ad altri autorevoli esponenti, si propone di raccogliere adesioni non soltanto del mondo liberale, ma anche di cittadini con diversi orientamenti e sensibilità, ma preoccupati per la pericolosità di un cambiamento che tende ad eliminare la separazione e il bilanciamento dei poteri. Verrebbero così cancellati trecento anni di cultura illuminista, dalla quale ha preso le mosse il Costituzionalismo liberale.

In allegato un volantino esplicativo e copia dello Statuto del Comitato, invitandovi a far pervenire alla Sede Nazionale adesioni singole, principalmente di personalità note, ed, allo stesso tempo, di costituire comitati territoriali, di cui dare sempre notizia al Partito.

Vi segnalo inoltre che la mail del Comitato è info@perlelibertanoalpeggio.it e che a giorni verrà aperto un sito web, sul quale saranno riportate tutte le notizie ed al quale bisognerà far confluire le informazioni sulle iniziative locali.

Allego inoltre un mio articolo apparso su Rivoluzione Liberale che si sofferma sulle principali, tra le tante ragioni di merito, a sostegno della nostra ferma opposizione e soprattutto suggerisce di non raccogliere la provocazione Boschi-Renziana del “Con noi o contro di noi”. Infatti loro difendono una scelta che hanno voluto, nell’intento di rafforzare il loro potere, noi ci limitiamo ad essere contrari a tale sfregio della nostra Carta Fondamentale, mentre, allo stesso tempo, riteniamo che essa vada migliorata e aggiornata con razionalità e cultura istituzionale, non a colpi di maggioranza.

Confidando sull’impegno di tutti voi, mi è gradita l’occasione per salutarvi caramente.

Il Presidente Nazionale

Stefano de Luca

Volantino NO

Statuto COMITATO NO AL PEGGIO

Articolo “In nome della libertà” di Stefano de Luca

 

5 Commenti

  1. […] 26 Maggio 2016 Sito web del PLI. Comunicato sull’avvenuta costituzione del Comitato “Per le Libertà dei Cittadini, No al Peggio” per  “raccogliere adesioni non soltanto del mondo liberale, ma anche di cittadini con diversi orientamenti e sensibilità, ma preoccupati per la pericolosità di un cambiamento che tende ad eliminare la separazione e il bilanciamento dei poteri. Verrebbero così cancellati trecento anni di cultura illuminista, dalla quale ha preso le mosse il Costituzionalismo liberale.” Link: http://www.partitoliberale.it/13051/attivita-del-pli/comitato-le-liberta-dei-cittadini-no-al-peggio.… […]

  2. […] 26 Maggio 2016 Sito web del PLI. Comunicato sull’avvenuta costituzione del Comitato “Per le Libertà dei Cittadini, No al Peggio” per  “raccogliere adesioni non soltanto del mondo liberale, ma anche di cittadini con diversi orientamenti e sensibilità, ma preoccupati per la pericolosità di un cambiamento che tende ad eliminare la separazione e il bilanciamento dei poteri. Verrebbero così cancellati trecento anni di cultura illuminista, dalla quale ha preso le mosse il Costituzionalismo liberale.” Link: http://www.partitoliberale.it/13051/attivita-del-pli/comitato-le-liberta-dei-cittadini-no-al-peggio.… […]

  3. La nstra Costituzione e del tipo scritto,lungo,rigido.
    Contiene al suo interno (art.138) i modi concui modificarla.
    Non e ammissibile un plebiscito.
    L’importante(dato che non c’e quorum votanti)e’ andare tutti a votare.
    I sostenitori del si ci andranno,e pochi si basteranno.
    Votiamo ,forse sara’ l’ultima volta che ci sara’ concesso.
    Questo e’ vero e proprio tentativo di colpo di stato.

    FabrizioProsperi

  4. Come se non bastasse, è arrivata l’altro ieri la notizia dell’accordo tra Renzi e la Confindustria: “Io ti voto sì all’Italicum e tu mi riduci le tasse sulle imprese”. La Costituzione come merce di scambio! Ce ne rendiamo conto? E tutti i lavoratori autonomi, le piccole imprese artigiane strozzate dalle tasse, i negozi costretti a chiudere per la concorrenza “cinese”, cosa sono, figliastri?

  5. Io voterò no, perché si tratta di una legge passata con voto di fiducia. Credo che un cambiamento così importante debba essere frutto di studi, approfondimenti e confronti civili. Non capisco come un parlamentare possa abbassarsi a votare la fiducia al governo, accettando un’invasione di campo di questo tipo!

Comments are closed.